Arya, i cambiamenti e gli sbalzi ormonali.

Sono qui per rassicurare chi, negli ultimi mesi, mi ha dato per dispersa. So che, soprattutto in famiglia, in molti si sono chiesti come me la stessi cavando, in mezzo a tutto questo trambusto e a questi preparativi. In effetti non è stato un periodo semplice e ho notato numerosi cambiamenti.
Innanzi tutto Serena è ingrassata. O, meglio, io ho pensato a lungo che fosse ingrassata, perché quella pancia enorme poteva solo significare che non stava condividendo – egoisticamente – con me una serie di cose buone. Poi, un giorno, lei e Luca mi hanno preso da parte e mi hanno spiegato che Serena in realtà non era ingrassata – cioè, forse anche sì – ma che, invece, dovevo cominciare a fare l’abitudine a una nuova idea di branco. Un branco che prevede, almeno per qualche tempo, un altro quadrupede oltre a me. E nuovi odori, nuovi rumori, nuovi ritmi.

Il trio dei duepiuuno

Non sono sicura di aver capito bene cosa intendano, ma nel dubbio ho deciso di altalenare fra momenti di affetto spinto e altri di nervosismo incontenibile. Un po’ abbaio al nulla e un po’ do leccate a tutto spiano. Un po’ gli altri cani mi danno noia e un po’ vorrei giocare in eterno. Ho sentito che Serena, nel suo caso, li chiama sbalzi ormonali, e comincio a credere che siano contagiosi.

Arya e le nuove tane durante la gravidanza

Nonostante tutto, però, sono viva e vegeta e osservo con un misto di preoccupazione e curiosità i cambiamenti che stanno avvenendo in casa. Ogni tanto arriva un pacco e si montano cose. Un giorno me la sono presa con il postino perché io, quello scatolone, in casa proprio non lo volevo. E avevo ragione ad essere sospettosa! Ora, infatti, dopo un lungo lavoro di assemblaggio, abbiamo un coso verde a 4 ruote che mi guarda con sospetto ogni volta che mi affaccio nell’angolo studio. Angolo studio che, a sua volta, è stato ridotto facendo spazio a una cassettiera rossa e a quello che è stato chiamato “fasciato a ribalta”. Un coso bianco appeso al muro che si apre. Sai che roba. Loro erano entusiasti, mentre io continuo a non capire il perché. Manco ci fossero delle crocche, dentro. Contenti loro…

Angolo nursery

Devo dire, però, che ci sto prendendo gusto anche io. La coda comincia a tradirmi e faccio fatica a nascondere l’eccitazione ogni volta che rientrano con qualcosa di nuovo. Le ultime due new entry sono state un bustone pieno di vestiti mignon che sapevano di bambini sconosciuti e una culla che, ho scoperto, ci è stata donata da Freya. Proprio lei, la bambina che, quando eravamo entrambe più piccole, ha pensato per un intero pranzo che fossi un ponte e che lei dovesse passarmi sotto a tutti i costi.
Dalla regia si stanno lasciando andare in esclamazioni di giubilo, cose tipo “quella culla è fighissima! Della Stokke! Ma ci pensi?!”, ma non li asseconderò. Anche se, in effetti, è davvero bella.

Culle di seconda mano

Abiti da neonato usati

Per ora me la cavo, quindi. E non posso lamentarmi. Continuano a portarmi al parco con una certa frequenza e faccio regolarmente grandi dormite sul tappeto. Non si sono ancora dimenticati di darmi da mangiare, ma mi preparo ad eventuali periodi di digiuno mangiando tutte le mele e le bucce di banana che trovo per strada. Non si sa mai.

Cosa succederà nei prossimi mesi? Vi terrò aggiornati!

Arya a Charlottenlund

Annunci

2 risposte a “Arya, i cambiamenti e gli sbalzi ormonali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...